Foto portfolio gabriele forti

IL MIO BLOG

Consigli per fotografare un paesaggio

Fotografare paesaggi è irresistibile e assai frequente per chiunque, fotografo professionista o amatoriale che sia: anche solo durante una passeggiata si può venir colpiti da un particolare scorcio, oppure, durante una vacanza, si vorrebbe riportare a casa quante più immagini possibili dei luoghi visitati. Fotografare un paesaggio però può non essere così facile come si potrebbe pensare.

Ho deciso, quindi, di darvi alcuni consigli per migliorare la qualità delle vostre foto di paesaggi, per poter immortalare al meglio magari anche solo il posto in cui vivete – vedrete che riuscirete a scorgerlo sotto una luce del tutto diversa – oppure per comporre un album di viaggi e vacanze ancora più emozionante e suggestivo.

  • Massima profondità di campo

Se utilizzi una macchina fotografica con comandi manuali imposta un’apertura di diaframma che ti permetta di avere una buona profondità di campo, così da ottenere la massima nitidezza per tutti gli elementi che andrai ad inquadrare.

Puoi raggiungere un buon risultato anche con una macchina fotografica automatica selezionando la modalità paesaggio, ricordatene sempre. In questo modo riuscirai a fotografare il tuo paesaggio al meglio.

 

  • La luminosità

Cerca di fotografare sempre in condizioni di luce ottimali, ma se ti trovi in situazioni dove la luce scarseggia non dovrai far altro che trovare un punto di appoggio dove posare la macchina fotografica per poter adottare un tempo di scatto molto lungo, cosa assai difficile se non impossibile a mano libera. Se sei attrezzato, avrai con te, a questo scopo, un treppiede.

 

  • La luce

La luce ideale per ottenere immagini di paesaggi perfettamente nitide e definite è quella delle ore centrali del giorno. Ma le foto di paesaggi più suggestive ed emozionanti sono, senza dubbio, quelle al tramonto. Attenzione, però, alle ultime luci del giorno: sono assai diverse da quelle del resto della giornata e richiedono particolari attenzioni, come ho già spiegato qui.

  • Livelli, piani e prospettive

Non esiste una macchina fotografica in grado di rendere la prospettiva così come viene percepita dall’occhio umano.

Ma, per ottenere il senso di profondità, puoi usare un trucco che ti permetterà di aumentarne la percezione: se stai fotografando, ad esempio, un paesaggio collinare, concentra l’attenzione su un dettaglio in primo piano, come anche solo un fiore; questo aumenterà la percezione della distanza tra il soggetto in primo piano ed il resto della scena.

  • La regola dei terzi

Questa è la regola di composizione fotografica forse più conosciuta e serve per stabilire a quali elementi dell’immagine si vuole dare risalto.

Riassumendo in base al caso nostro: quando osservi un paesaggio immaginalo suddiviso in una griglia composta da due linee verticali e due orizzontali equidistanti, in modo da avere nove sezioni identiche: il soggetto principale dello scatto si deve trovare lungo una delle linee o su uno dei punti di intersezione.

Ad esempio: se vuoi fotografare un paesaggio e mettere in risalto il cielo, fai in modo che l’orizzonte si trovi sulla linea orizzontale più bassa, così che il cielo occupi i due terzi dell’immagine.

CLICCA SUI LINK PER VEDERE I MIEI LAVORI

English EN Italian IT Spanish ES
error: Content is protected © Forti Gabriele PH !!